Fundamental Review of the Trading Book

Gruppo di lavoro: Fundamental Review of the Trading Book
Coordinatori: Umberto Cherubini (Università di Bologna) e Marco Bianchetti (Banca Intesa Sanpaolo). Coordinamento e supporto organizzativo: KPMG Advisory S.p.a.

 

Marzo 2017: Introduzione ai lavori

Contenuti

La Fundamental Review of the Trading Book, la nuova regolamentazione per i rischi di mercato la cui entrata in vigore è prevista nei prossimi anni secondo un calendario ancora da finalizzare da parte dei regulators, introduce novità importanti sul piano metodologico, ed avrà conseguenze importanti sul capitale regolamentare di molte banche, sia dotate di modelli standard che di modelli interni. Il Gruppo di lavoro intende approfondire i seguenti aspetti.

  • Classificazione degli strumenti finanziari: regole di classificazione e trasferimento interno del rischio.
  • Calcolo del Capitale per business unit: fattori di rischio non modellabili, allocazione efficiente del capitale ed impatti sul modello di business.
  • Revisione dell’Approccio Standard (SA): nuovo approccio basato sulle sensitivity, default risk e rischio residuo.
  • Revizione dell’approccio a Modello Interno (IMA): introduzione dell’expected shortfall e degli orizzonti di liquidità, default risk charge, stressed expexted shortfall e fattori di rischio non modellabili.
  • Reporting: revisione pillar 3.

Obiettivi 

Il Gruppo di Lavoro AIFIRM si inserisce nell’ambito della Commissione AIFIRM “Rischi di Mercato”, e si propone di elaborare e pubblicare un Position Paper “Fundamental Review of the Trading Book” a nome AIFIRM.  Il Position Paper è volto a rappresentare la documentata opinione dei risk manager italiani ed a contribuire a stabilire una best practice nel panorama bancario nazionale ed internazionale. Il documento è di tipo tecnico/operativo, si propone di approfondire il tema della FRTB, gli aspetti normativi, declinare il significato della regolamentazione, sviluppare pratiche operative di calcolo ricorrendo ad “case study” significativi, approfondire le conseguenze IT ed organizzative, con particolare riferimento alla realtà delle banche italiane.

Modalità operative

Il GdL opera nel periodo dicembre 2016 – novembre 2017. In considerazione dei tempi previsti per l’entrata in vigore della normativa FRTB, i lavori potranno essere rinnovati per un tempo congruo. Il GdL si riunirà una prima volta per impostare i lavori, e quindi procederà con riunioni periodiche per mettere a fattor comune gli approfondimenti effettuati sul tema e monitorare l’andamento dei lavori. Il resto dell’attività verrà effettuata a distanza e/o tramite incontri personali. Il GdL si doterà di opportuni strumenti informatici (mailing list, cartella condivisa online). Data la complessità dell’argomento, il GdL si articola in sottogruppi di lavoro (sGdL) dedicati all’approfondimento di aspetti specifici. La suddivisione in sotto gruppi ed il calendario dei lavori saranno concordati nell’ambito della prima riunione.
Il Gruppo di lavoro si avvale della collaborazione di KPMG Advisory S.p.a. per il supporto e coordinamento operativo all’organizzazione degli incontri e la predisposizione della documentazione.

Aprile 2017: verbale di riunione

Novembre 2016: presentazione del Gruppo di lavoro alla XII Convention AIFIRM

Documenti acclusi: Presentazione del Gruppo di lavoro alla XII Convention AIFIRM