Gruppo di lavoro: Prudent Valuation

Coordinatori: Marco Bianchetti, Umberto Cherubini

 *

Marzo 2016: i lavori terminano con la consegna del documento AIFIRM “Prudent Valuation: Guidelines and Sound Practices” e la sua pubblicazione sul sito

2 dicembre 2015. Relazione di aggiornamento e conclusione lavori alla XI Convention AIFIRM

20 novembre 2014. Relazione di aggiornamento alla X Convention AIFIRM

27 giugno 2014. Si è svolta la quinta riunione della Commissione. Il verbale è disponibile nella sottostante sezione.

26 maggio 2014. Si è svolta la quarta riunione della Commissione presso Unicredit, sede di Milano. Il verbale è disponibile nella sottostante sezione.

17 aprile 2014. Si è svolta la terza riunione della Commissione presso Intesa Sanpaolo, sede di Milano. Il verbale è disponibile nella sottostante sezione.

14 marzo 2014. Si è svolta la seconda riunione della Commissione presso Intesa Sanpaolo. Il verbale è disponibile nella sottostante sezione.

Febbraio 2014. La prima riunione della Commissione si è svolta venerdì 7 febbraio, presso Intesa Sanpaolo, Milano. E’ stato prodotto un documento di progetto, disponibile in allegato, che funge anche da verbale dell’incontro.

Si avvisa che la commissione si è dotata di una mailing list e di una cartella condivisa. Per maggiori informazioni, contattare il coordinatore marco.bianchetti@intesasanpaolo.com.

Gennaio 2014. E’ in fase di avvio il Gruppo di lavoro “Prudent Valuation” nell’ambito della Commissione Rischio di Mercato.

Introduzione ai lavori.

La Capital Requirements Regulation (CRR) in vigore dall’1 gennaio 2014 definisce (art. 34 e 105) gli obblighi per le istituzioni finanziarie relativi agli aggiustamenti di valutazione prudenziali delle posizioni misurate al fair value, da detrarre dal common equity tier 1 capital.

L’European Banking Authority (EBA) ha pubblicato in luglio 2013 un Consultation Paper contenente un draft Regulatory Technical Standards (RTS) e organizzato un primo Quantitative Impact Study (QIS) terminato il 15 novembre 2013. La finalizzazione dei RTS è prevista per il Q2 2014, e la loro approvazione da parte dell’UE per il Q3 2014.

L’EBA prevede due modalità di approccio alla prudent valuation: il “simplified approach”, applicabile dalle istituzioni con somma dei valori assoluti di attività e passività valutate al fair value inferiore a €15 miliardi, molto semplice ma punitivo, e il “core approach”, che richiede il calcolo di nove diverse categorie di Additional Valuation Adjustment (AVA).

Il calcolo degli AVA, con le indicazioni attualmente fornite dai regulators, ed in mancanza di una prassi di mercato, pone una serie di criticità legate all’incertezza sulla data di prima applicazione, sul perimetro di applicazione, sulla definizione, sui dati e gli algoritmi necessari al calcolo concreto degli AVA.

Il Gruppo di Lavoro AIFIRM si propone di elaborare e pubblicare un Position Paper volto ad approfondire il tema della prudent valuation, a declinare il significato degli AVA, a sviluppare pratiche operative di calcolo, ad affrontare le conseguenze organizzative. Il Position Paper AIFIRM si propone di rappresentare la documentata opinione dei risk manager italiani e di contribuire a stabilire una best practice nazionale ed internazionale.

Per ulteriori approfondimenti sulla Prudent Valuation e sul Gruppo di Lavoro AIFIRM si faccia riferimento al documento Abstract e impostazione dell’attività, ed ai riferimenti normativi e bibliografici ivi contenuti.

Per contatti: Segreteria associativa.